Crocchette di pollo stampate in 3D? Quella che sembra fantascienza è invece realtà, grazie al visionario universo dell’additive manufacturing. Nelle sconfinate praterie creative si è infilata la KFC (Kentucky Fried Chicken), colosso del fast food che, in collaborazione con un laboratorio moscovita specializzato nella bioingegneria e nella stampa 3D di tessuti organici, ha cercato di replicare in ambiente controllato le famosissime nuggets dorate. L’idea è stata quella di trovare un sostituto sintetico della carne che però la eguagli in sapore, profumo e consistenza. I ricercatori russi hanno così messo a punto un processo di stampa 3D che consente di ottenere crocchette complete di panatura e spezie, pronte per essere fritte.

Ma che vantaggio potrebbe derivare dal rivolgersi alla scienza per trovare un sostituto al pollo, ai bovini e agli altri animali da carne? Non ci sono solo motivi etici, ma anche ecologici: secondo una ricerca ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) del 2019, in Italia gli allevamenti intensivi sono la seconda fonte di inquinamento dopo il riscaldamento domestico.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">HTML</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*